Postura e Occlusione: con il CPT-OG la correlazione è dimostrata matematicamente.



Uno degli errori che si commette oggi, grossolanamente, è pensare che un oggetto come questo possa modificare la Postura Abituale di una persona: il messaggio pubblicitario è accattivante…perchè non provarlo? Costa anche relativamente poco…eppure….



Cos’è la Postura Abituale?

E’ la posizione non forzata che il corpo assume abitualmente senza fare nulla o in tutti quei movimenti “naturali” che si fanno durante la giornata, tutti i giorni.

La postura abituale è inconsapevole, non serve essere consapevoli della propria posizione quando si è in questa “condizione”.


Cos’è la POSA?

La posa è una posizione del corpo innaturale e indotta in particolari momenti. La persona assume una posa quasi sempre consapevolmente, a differenza della postura abituale.

Una postura forzata indotta da un dispositivo come quello dell’immagine precedente non modifica la posizione abituale delle parti del corpo tra loro ma costringe ad una forzatura innaturale il corpo umano.

Spalle indietro stirano i muscoli pettorali che bloccano il diaframma insieme alla compensazione di iper-lordosi addominale/lombare che viene accentuata a danno, per esempio della peristalsi, dello stomaco, del diaframma e anche del cuore che viene di fatto compresso sotto lo sterno.


La Postura Abituale di questo ragazzo è quella della foto successiva ed è una postura scorretta perchè la sua testa è troppo sbilanciata in avanti (per una questione di mancanza di equilibrio tra cranio-mandibola e colonna) e i muscoli del dorso sono stirati e allungati per sostenerla, costantemente, durante tutta la giornata, qualsiasi postura abituale o “posa” esso assuma.

Una Postura Abituale come questa non può essere priva di conseguenze ma il rimedio sopracitato è peggio della condizione abituale di partenza.



Il termine Postura Abituale, pertanto, confonde tutti (anche in medicina) e non offre il vero valore alla mia scoperta che, peraltro, essendo meccanica è imitata ormai in tutto il mondo, senza conoscerla, anche in ambiente medico-odontoiatrico-gnatologico-osteopatico-ortopedico-otorinolaringoiatrico….etc. etc.


Oggi parlo di CONDIZIONE MECCANICA ABITUALE DEL CORPO UMANO. E’ un cambiamento di paradigma sulla comprensione del funzionamento del corpo umano.


La “condizione” non è una patologia ma uno stato in cui si trova un corpo in un preciso momento o arco temporale.

Non a caso si parla di “condizione fisica, condizione atletica, condizione sanitaria, condizione meccanica, ….etc,

Una condizione meccanica abituale come questa è scorretta ma è l’unica che potrebbe davvero alleviare disturbi, sintomi e contratture di questa persona:



Tentare di correggerla con un dispositivo simile amplifica il problema, non lo aiuta di certo e provoca compressioni e lussazioni ancora più accentuate con blocco del diaframma, iperlordosi, iperestensione dei pettorali (per fare solo un esempio di una catena muscolare ma sono decine e sono decine quelle speculari/antagoniste che sono coinvolte negativamente), compressione di polmoni, cuore, collo, rotule, testa del femore etc. etc:



Non sto dicendo che tutti sbagliano, tutti, anche medici, dentisti, gnatologi e posturologi, sto solo dicendo che conoscono solo questa modalità per correggere il problema:

una modalità che, però, amplifica e aggrava la problematica.

Per questo da anni vi dico di stare attenti quando vi parlano di bite, di postura, di corsetti, di correttori di placche etc.

Solo utilizzando il CPT-OG si può correggere e redistribuire la colonna vertebrale all’interno del busto decomprimendo e decontraendo muscoli, cartilagini, cuscinetti, organi e connettivo.

Ah…dimenticavo….un recupero come questo necessita di tempo, non avviene in un secondo con un corsetto o con qualche limatura di un bite su una pedana stabilometrica. Lo capite adesso il motivo, vero?

Se non lo capite vi dò un indizio: si modifica la struttura anatomica dei muscoli, per esempio.

Un muscolo stirato formato da 20 cellule (per fare un esempio) deve diventare un muscolo non stirato senza carico del “peso sporgente” fuori baricentro, per esempio della testa, formato da 10 cellule. Quanto tempo può impiegare fisiologicamente? Mesi. Anni. A seconda della Condizione Meccanica Abituale della persona.

Come può un corsetto ottenere questi risultati in CONDIZIONE ABITUALE del corpo umano? Impossibile!


Con CPT-OG non è solo possibile ma VE LO GARANTISCO:



Ribadisco che non è mia volontà parlare male degli altri per vendervi qualcosa.

Questo principio fisico meccanico ho provato per tanti anni ad istituzionalizzarlo perchè è l’unico sistema per correggere definitivamente la condizione meccanica abituale sbagliata del corpo umano.

Il 99% della popolazione mondiale ha questa problematica.

C’è da fare per tutti, non si toglie lavoro a nessuno …purchè si faccia nel modo corretto e oggi nessuno lo sa fare.


-Documentazione Istituzionale Esclusiva-


agosto 2020 – Maurizio Formia

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mezzo milione di visitatori e milioni di pagine lette:
Visitors
50284
Iscriviti alla Newsletter

Ti aggiorniamo sui nuovi articoli-eventi e news

Iscriviti alla nostra Newsletter
per ricevere gli aggiornamenti!!