Nelle mie pubblicazioni, dicono, traspare molto la sofferenza…..



Ultimamente diverse persone mi hanno detto questa frase in modi e termini diversi ma con la stessa finalità:

“Nelle tue pubblicazioni sei ridondante e si sente troppo la tua sofferenza tanto che sembra che ti sia rimasto un problema, un trauma psicologico che, secondo me, dovresti risolvere……oltretutto commercialmente non sei “competitivo”….”

Questa, grosso modo è la frase che mi sento riferire da persone che, evidentemente, non conoscono la mia lunga e trentennale vicenda.

La prima precisazione è che non mi interessa essere “commerciale” e “competitivo”, in primis perchè non ho competitors essendo l’unico al mondo che conosce e sa applicare scientemente la mia invenzione, in secondo luogo perchè il CPT-OG non può essere una “catena di montaggio”: il cliente occorre seguirlo e per portarlo in Equilibrio Meccanico Abituale secondo il CPT-OG occorre metterci “di più” rispetto ad un qualsiasi cliente di una qualsiasi disciplina.

Non me ne vogliano psicologi e psichiatri, operatori olistici e maestri Zen e Yoga, sciamani e maghi, astrologi e astronomi ma questa è la mia vita e, considerando che in questi anni ho vissuto esperienze che forse una persona vive in 10 vite e che queste esperienze mi hanno portato a fare una scoperta scientifica di portata planetaria,

spiegatemi per quale ragione dovrei tacere la lunga vicenda che mi ha visto “protagonista” nel bene e nel male di questa meravigliosa avventura.

No, amici, non arrivo dallo studio accademico ma da anni di sofferenza. Invece di piangermi addosso mi sono rimboccato le maniche e non ho accettato le tesi di medici che sostenevano che ai miei disturbi fisici e neurovegetativi che conseguentemente mi portavano ansia e attacchi di panico, non ci fosse rimedio.


Il rimedio l’ho scoperto e l’ho pubblicato aiutando migliaia di persone con oltre 2 milioni di pagine lette delle mie pubblicazioni e oltre 10 mila libri venduti senza pubblicizzarmi.


Non fosse altro che nella mia decennale “carriera” ho seguito medici, operatori sanitari, psichiatri, olisti, ….la lista è lunghissima,

non accetto chi oggi, a giochi fatti e con la strada spianata grazie al mio spirito di abnegazione e alle mie “fatiche”, con oltre 750 documenti tra cui molti Istituzionali, a partire da Interrogazioni Parlamentari a riposte su carta filigranata della Presidenza della Repubblica, alle battaglie legali con Ordine dei Medici e associazioni di categorie odontoiatriche,

spiegatemi come mai non dovrei far trasparire la sofferenza nelle mie pubblicazioni.

Forse sarà perchè voi non avete questo “bagaglio” di esperienza?

Vi assicuro che è stato tutt’altro che una passeggiata e che, per rendervi un’idea dello sforzo e della forza di volontà che ho dovuto tirare fuori (anche per molti di voi) in questi anni,

equiparerei la mia esperienza come 10 lauree in 10 discipline diverse.

Forse così riuscite lontanamente a comprendere…..probabilmente.


Chi mi conosce sa che sono una persona estremamente positiva (non potrebbe essere altrimenti, qualcuno al mio posto non avrebbe avuto tutta questa forza di volontà) e con una grande voglia di vivere.

Settimane di coma, anni di sofferenza in un letto o costretto a “lockdown” di anni (molti di voi si lamentano per 2 mesi di lockdown per il Covid, per farvi un confronto) a casa per un Disequilibrio Meccanico Abituale in Fase 4-5 (nemmeno contemplato nel mio libro perchè Disequilibri peggiori al mio non ne ho mai visti e soprattutto con Laterodeviazioni a Destra Fase 4/5), sedia a rotelle, neuropatie, persecuzioni da parte di Istituzioni mediche e associazioni di categoria mediche, incontri Istituzionali per aprire protocolli di ricerca su OG che hanno visto università mediche mettersi di traverso perchè……

perchè OG aiuta davvero a GUARIRE il corpo umano o a renderlo più forte per permettere che le cure mediche DAVVERO FUNZIONINO.


No, non ho traumi. Mi dispiace per chi lo pensa ma è giusto che voi conosciate la Verità su questa meravigliosa scoperta che arriva per caso ma non a caso e non senza sacrifici e senza fede, anche quella spirituale.

ps. l’immagine in evidenza è uno schizzo originale del 2001 che identifica il mio Disequilibrio Meccanico Abituale frontale in Fase 4/5.

giugno 2020 – Maurizio Formia



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mezzo milione di visitatori e milioni di pagine lette:
Visitors
46843
Iscriviti alla Newsletter

Ti aggiorniamo sui nuovi articoli-eventi e news

Iscriviti alla nostra Newsletter
per ricevere gli aggiornamenti!!