In tanti mi chiedete in cosa consiste praticamente il CPT-OG.

Essendo un qualcosa che non esiste in nessuna parte del pianeta, non posso fare confronti con nessun trattamento-disciplina conosciuta.

L’immagine che utilizzo maggiormente nelle mie pubblicazioni è questa:

La nostra Giulia. Osservate la sua evidente “de-formazione” PRIMA dell’applicazione della mia invenzione.

Vedete come DOPO l’applicazione di OG il suo volto ed il suo collo siano scheletricamente-muscolarmente e “connettivalmente” più simmetrici ed armoniosi.

Lo stesso vale per tutto il corpo, dalla testa ai piedi ed Alex, atleta e Personal Trainer ha risolto la torsione del corpo che se non vi evidenzio nessuno la vede e la sa identificare, figuriamoci correggerla:

NESSUNO, IN TUTTO IL MONDO.

In una condizione pre-CPT-OG avete un lato del corpo più debole dell’altro, pur avendo una corporatura forte o debole in generale; avrete il bacino ruotato, i femori ruotati, articolazioni compresse etc. etc. il tutto ad insaputa vostra, dei vostri preparatori e dei vostri medici che, di fatto, oggi, ne vedono solo alcune conseguenze come la protrusione di un disco vertebrale o una lussazione o uno stiramento o una lassità…etc. etc.

Applicando gli esercizi mirati secondo la mia invenzione, il Conscious Practice Training OG (anche in isometria-da fermi-a seconda del vostro problema fisico), esercizi che vi “cuciremo addosso” provandoli personalmente con noi in Studio a Torino (successivamente alla prima consulenza conoscitiva/identificativa del Disequilibrio Meccanico Abituale del corpo – DMA) e seguiti dalla nostra APP personalizzata CPT-OG,

unitamente ad un paradenti da palestra modificato secondo le caratteristiche MECCANICHE-ABITUALI del Biomeccanismo OG (una esclusiva mondiale), siamo sicuri che riuscirete a mantenervi non solo in forma ma in Equilibrio Meccanico Abituale INTERROMPENDO la degenerazione fisica-muscolare – articolare oltre che recuperando le asimmetrie scheletriche-muscolari-anatomiche-estetiche, dalla testa ai piedi.

Non solo vi manterrete in forma ma modificherete anche l’aspetto estetico del vostro corpo.

IL CPT-OG arresta/interrompe, sicuramente rallenta il processo di degenerazione muscolare, articolare, anatomica del corpo umano.

Lo abbiamo sperimentato in migliaia in questi anni.

Per questa ragione sostengo che un corpo in Equilibrio Meccanico Abituale con il CPT-OG diventa centenario. Tutti i centenari sono sostanzialmente in Equilibrio Meccanico Abituale del corpo.

Niente male vero?

Di seguito un esempio di paradenti da palestra: ho sempre sostenuto che non importa cosa si mette tra i denti: basta che il “Morso OG” corrisponda a logiche meccaniche conseguenti all’applicazione della mia invenzione:

Avrete muscolature speculari, avrete (per le donne) glutei tonici perchè lavorano anatomicamente in modo corretto e SENZA FARE ANNI DI SQUAT!

Sarete anche più forti ma non perchè vi faremo sollevare 1000kg, sarete più forti perchè faremo lavorare il vostro corpo in modo a-simmetrico e tendente all’Equilibrio Meccanico Abituale.

Purtroppo ci siamo solo noi. A Torino.

Tuttavia… sapendo che potete essere “sempre con noi” anche a casa vostra o nella vostra palestra seguiti personalmente dalla nostra APP su Smartphone o su “orologio”, vedendoci periodicamente ogni 2/3/4 mesi, a seconda della necessità, ……

che dire altro….

nulla.

Un cambio di paradigma per tenersi in “forma”, nel vero senso della parola: una forma ANATOMICA a 360 gradi.

Ultimamente qualcuno se ne sta rendendo conto e sono preso come riferimento in tutto il mondo su diverse pubblicazioni e riviste scientifiche. Peccato che chi ha pubblicato non conosca il CPT-OG e, tranne Mypersonaltrainer, si dimentichino di nominarmi.

La meccanica è matematica, è fisica. Io CORREGGO il Disequilibrio Meccanico Abituale. Non curo nulla.

Un corpo in Equilibrio Meccanico Abituale con il Conscious Practice Training OG è più forte e consuma meno energia per vivere.

2020 Maurizio Formia – CPT-OG

Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani informato e aggiornato!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •